Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen - di Naime Murati

Tra i libri che ho letto quest’estate quello che più mi è piaciuto è uno dei più famosi romanzi scritti dall’autrice inglese Jane Austen: Orgoglio e Pregiudizio.
La Austen, vissuta tra il 1775 e il 1817, in questo romanzo narra della famiglia Bennet, composta solo da figlie femmine, e di Charles Bingley, un giovane e ricco scapolo, che insieme alle sue due sorelle e l’altezzoso signor Darcy, va ad abitare a Netherfield vicino alla dimora dei Bennet.
Il signor Bingley e Jane, la primogenita, si invaghiscono l’uno dell’altra. Darcy nonostante si sentisse attratto da Elizabeth, la seconda delle Bennet, la offende con il suo fare arrogante.
Mr Darcy e le sorelle di Bingley, non comprendendo l’interesse che Jane prova nei confronti del loro fratello e pensando che sia interessata solo alle sue ricchezze, convincono Charles a restare a Londra dopo il suo viaggio di affari e lo raggiungono lì.
Elizabeth mentre è ospite nella tenuta di Collins, suo cugino, incontra Fitzwilliam Darcy che scoprendosene innamorato ne chiede la mano ma, essendo lei venuta a sapere che l’infelicità di sua sorella è stata causata proprio da lui, si rifiuta di sposarlo. Darcy allora le scrive una lettera in cui le spiega le motivazioni delle sue azioni e leggendola comincia a mutare i suoi sentimenti.
Durante un viaggio con i suoi zii rincontra Darcy e lo trova cambiato. Quando però Elizabeth riceve una lettera da Jane che le dice che sua sorella Lydia è fuggita con Wickham sono costretti a tornare al più presto a Longbourne. Grazie al signor Darcy, che trova i due fuggiaschi, Lydia e Wickham si sposano.
Elizabeth, venuta a sapere dell’aiuto che Darcy ha prestato alla sua famiglia, sente di provare una forte ammirazione nei suoi confronti, ma ormai pensa che, visti gli avvenimenti, lui non ripeterà una seconda volta la sua proposta.
Darcy e Bingley tornano a Netherfield e, rinnovato l’interesse tra quest’ultimo e Jane, lui la chiede in sposa.
Dopo che Elizabeth si rifiuta di promettere a Lady Catherine, zia di Darcy e madre della sua promessa, di non accettare alcuna proposta di matrimonio da parte di Fitzwilliam, egli le confessa che i sui sentimenti non sono cambiati e i due si sposano.

Ho adorato leggere questo libro in ogni sua pagina, mai noioso e molto scorrevole è diventato uno dei miei libri preferiti.
Il personaggio di Elizabeth, donna determinata, intelligente e vivace, riesce, pur non essendo bellissima, ad attirare l’attenzione di un uomo molto orgoglioso e importante.
Nel corso del romanzo non solo è narrata la loro storia d’amore ma è ben descritta la società dell’epoca, e grazie a questo si può vedere come Elizabeth sia molto diversa dalle sue coetanee, poiché tutto quello che desideravano loro era semplicemente un marito.
I due protagonisti crescono nel corso del romanzo: Darcy deve mettere da parte il suo orgoglio e la signorina Bennet scopre che i suoi pregiudizi non sono sempre esatti.
Ovviamente consiglio a tutti quelli che non l’hanno ancora letto di correre in libreria o in biblioteca.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ulisse modello dell’uomo greco, curioso,astuto e ospitale - tema svolto di Valeria Orlando

Il tifo calcistico è aggressivo o no? - tema svolto di Alessio Volorio

Presentazioni di power point su Boccaccio