Twilight di Stephenie Meyer - di Andreea Marangoci

Twilight è il primo romanzo fantasy della saga di Twilight scritto da Stephenie Meyer.
La protagonista è Isabella Swan, una ragazza di 17 anni costretta a lasciare la città di Phoenix per trasferirsi da suo padre nella piccola città di Forks. Andando in una nuova scuola Isabella fa subito amicizia con alcuni suoi nuovi compagni, ma quello che attira di più la sua attenzione è la famiglia Cullen, in particolare Edward, tutti bellissimi ma che non hanno molti amici perché se ne stanno per conto loro. All'inizio Edward cerca di starle alla larga ma con scarso successo. Un giorno mentre Bella si trovava nel  parcheggio della scuola fu quasi investita da un so amico ma grazie a Edward si salvò. Più tardi lei capì cosa nascondessero in realtà i Cullen. Una famiglia di vampiri. Ma questo era solo l'inizio della sua avventura. Quando si fidanzano ufficialmente iniziano le loro preoccupazioni. Durante un'uscita con la famiglia Cullen incontrano degli strani vampiri che sentono l'odore di un'umana, quello di Bella! Così uno di loro inizia a darle la caccia. Alla fine Bella finisce in ospedale, rischiando anche di non andare al ballo di fine anno ma grazie al suo amato Edward tutto sarà una sorpresa.
Ci tengo a riscrivere la dichiarazione di Edward e che mi ha seriamente colpito: - " Prima di te, Bella, la mia vita era una notte senza luna. Molto buia, ma con qualche stella: punti di luce e razionalità... Poi hai attraversato il cielo come una meteora. All’improvviso, tutto ha preso fuoco: c'era luce, c'era bellezza. Quando sei sparita, la meteora è scomparsa dietro l' orizzonte e il buio è tornato. Non era cambiato nulla, ma i miei occhi erano rimasti accecati. Non vedevo più le stelle. Niente aveva più senso." Questo dimostra quando lui la ami e peccato che ci sono ancora pochissime persone a questi tempi che possono essere così romantiche.
A me questo libro (ovviamente tutta la saga) è piaciuto moltissimo. E' la prima volta che leggo un romanzo fantasy e rosa allo stesso tempo. Sinceramente mi ha molto coinvolta a tal punto di essere nella testa della protagonista, di sentire le sue emozioni e sentivo il suo cuore. Sono stata giorni e giorni a leggere perché nessun libro mi ha mai preso tanto. Prima quando sentivo parlare di "Twilight" dicevo che non mi piaceva, anche se non conoscevo bene la storia. Ora, però, posso affermare che questo libro va assolutamente letto da chi ama, come me, questi tipi di romanzi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ulisse modello dell’uomo greco, curioso,astuto e ospitale - tema svolto di Valeria Orlando

Il tifo calcistico è aggressivo o no? - tema svolto di Alessio Volorio

Presentazioni di power point su Boccaccio