Codice a zero di Ken Follett - di Alessandro Aceti

Siamo nel bel mezzo della guerra fredda, è il giorno del lancio del primo satellite americano dopo che l’ Unione Sovietica aveva già lanciato in orbita lo Sputnik 1 e lo Sputnik2. Lo stesso giorno all’alba però nei bagni di una stazione ferroviaria si risveglia Luke , il protagonista del racconto, che si trova sdraiato per terra con un suo compagno, Pete, vestito come un senzatetto e con i sintomi di sbronza la sera prima. Luke però non ha solo nausea e giramenti di testa, ha perso la memoria e ha come l’ impressione che qualcuno lo stia pedinando! È così che inizia la storia del racconto di Ken Follett piena di colpi di scena ambientato negli stati uniti d’America, a Washington, dove Claude Lucas, questo è il suo vero nome, deve lottare per poter capire chi è e perché due uomini lo stiano seguendo da tutta la mattina; così si da una sistemata e parte a cercare le persone a lui vicine. La prima persona che incontra è un suo collega alla fine di un meeting dove si era recato per poter incontrare qualche amico che lo potesse riconoscere. Il ragazzo lo aiuta a contattare sua moglie Elspeth e due suoi ex compagni di università: Billie e Bern.
Billie era un suo ex amore che non vedeva da tanto e che aveva fatto carriera in psicologia mentre Bern era un suo amico anche lui conosciuto ad Harvard che era diventato uno scrittore. I due si erano anche sposati e avevano avuto un bambino ma poi avevano divorziato quando era ancora piccolo ed avevano mantenuto un buon rapporto. Da subito tra Billie e Luke si riaccende una fiamma che anni prima li aveva fatti divenire inseparabili e grazie a lei scopre che qualcuno sotto falso nome gli aveva fatto perdere la memoria nell’ ospedale psichiatrico dove lavorava e comincia anche a sospettare di Anthony, anche lui un loro amico di Harvard che lavorava nella CIA e che aveva sostenuto in un concorso in rivale di Billie poiché facesse il lavaggio del cervello a Luke. Questo porta il protagonista ad indagare di più sulla propria vita scoprendo di essere uno scienziato missilistico ricercato da Anthony che addirittura voleva ucciderlo nonostante fosse stato il suo migliore amico per tanti anni perché sosteneva fosse una spia dell’ URSS.
La storia così si fa più intrigante perché inizia una vera caccia all’ uomo da parte di Anthony che è deciso a tutti i costi ad ucciderlo mentre Luke è intento a scoprire la verità nonostante tutti gli amici sostenevano che lui non fosse per nulla un traditore. Luke decide così di partire per Huntsville dove c’è casa sua per cercare una cartelletta che secondo Marigold ,la sua segretaria, sarebbe stata la risposta del perché fosse andato a Whashington per incontrare una persona prima che gli facessero perdere la memoria. Nel frattempo Anthony aveva rapito il figlio di Billie per ottenere informazioni sulle mosse del protagonista e lo stava aspettando a casa grazie all’ aiuto di Elsphet ,dove sarebbe andato per cercare la cartellina ma Anthony, dopo aver perlustrato se n’era andato appena prima che Luke entrasse. Luke allora dopo aver cercato invano si era diretto agli uffici e, aperto il suo armadietto trovò la cartelletta con dentro una busta contenente i codici per la distruzione del Jupiter indirizzata ad un certo Theo Packman ma appena cercò di chiamare Cape Carneval, dove sarebbe dovuto partire il missile, per annullare la partenza si senti puntare la pistola da Anthony che era sempre stato un agente dell’ URSS  infiltrato nella CIA e aveva intenzione di far saltare i piani degli americani.
A salvare Luke però arrivò Billie che armata della sua pistola fece scappare Anthony. Allora Luke capì che qualche giorno prima aveva scoperto del suo tradimento ma Anthony lo aveva narcotizzato e portato in clinica per poi seguirlo con i suoi uomini una volta rilasciato del cuore della notte. A pochi secondi dal lancio Luke riuscì a far rinviare il lancio 24 ore dopo , il tempo per modificare tutti i codici di autodistruzione. Elpeth però che lavorava dentro Cape Carneval infiltrata per passare tutte le informazioni all’ URSS non si diede per vinta e tentò il giorno dopo di rubare i nuovi codici per poterli passare a Theo Packman ma ancora Luke con Billie riuscì a capire le sue intenzioni e all’ ultimo secondo si recò in spiaggia all’ impazzata per fermare i 3 malintenzionati (Elphet,Anthony e Packman) intenti a distruggere il missile. Luke si precipitò con l’ auto contro di loro e nel colpo pack man rimase ucciso e mentre Elphet si rialzava per riaprire il bagagliaio, Anthony prese Billie ma nella lotta partì un colpo di pistola che gli traforò la pancia e morì. Elphet prese il detonatore e schiacciò sul pulsante ma non successe nulla poiché il razzo era già scomparso tra le nuvole. Così prese l’ auto e si diresse verso il mare andando a morire tra le onde per non essere riuscita a portare a termine il suo compito.
Questo libro mi è piaciuto veramente tanto perche mi ha preso nella lettura solamente dopo poche pagine. La storia è appassionante, ambientata nel periodo della guerra fredda, una parte di storia molto interessante perche’ si parla di una guerra non diretta, ma “fredda” appunto, perché queste due superpotenze , Stati Uniti e Unione Sovietica, combattevano tra di loro con le scoperte scientifiche, mediche ecc. il libro è molto scorrevole caratterizzato da molti colpi di scena basato su tradimenti e storie di spionaggio che hanno segnato la guerra fredda.
Consiglierei questo thriller a tutti perché l’ autore riesce a creare una storia fantastica sulla base di un accaduto reale come il lancio del primo missile nello spazio da parte dell’USA. Una cosa molto carina che mi ha colpito è che all’ inizio di ogni capitolo l’ autore spiega brevemente una piccola parte di come è composto il razzo e, dopo un po’ di capitoli, il lettore che come me non ha idea di come sia costruito un missile,riesce a comprenderne la struttura e il funzionamento.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ulisse modello dell’uomo greco, curioso,astuto e ospitale - tema svolto di Valeria Orlando

Il tifo calcistico è aggressivo o no? - tema svolto di Alessio Volorio

Tema svolto sugli immigrati - di Lara Facco